Author: wp_7626063

Attore professionista dal 1981, ha lavorato con numerose compagnie nazionali con le quali ha rappresentato, tra gli altri, testi di Beckett, Bernanos, Camus, Coward, Feydeau, Hinoshita, Hofmansthal, Puskin, Machiavelli, Mrozek, Suskind, e con cui ha effettuato tournees in Italia, Austria, Francia, Germania, Svizzera e Australia. Ha vinto la rassegna concorso per nuovi comici “Il buttafuori” con brani dallo spettacolo “Uomini” di cui è co-autore oltre che interprete; ha inoltre, collaborato per due anni con la rivista COMIX.
Con “Via Paolo Fabbri 43” di cui è co-autore oltre che interprete, ha ottenuto notevoli consensi di pubblico e critica.
Insegna da anni in varie scuole di recitazione e tiene costantemente laboratori e stages per scuole pubbliche e private.
Dal 2007 affianca al lavoro d’attore anche quello di autore : “Colorado” (ITALIA UNO) – “Trebisonda” (RAITRE) – “Social King” (RAIDUE) – “Casa Lallo” (RAI YO YO).

Alberto Barberis è attivo come compositore, performer elettroacustico, sound artist, regista e programmatore del suono. Dopo il diploma e il biennio in chitarra classica, studia composizione, ottenendo il Master of Arts in Composition and Theory, e ingegneria, stimolato dall’interesse per la musica elettronica e la computer music. Attualmente è assistente del direttore artistico di highSCORE Festival (IT), è parte del collettivo di improvvisazione Floating Forest (IT), è membro dell’associazione OGGIMUSICA (CH), ed è docente di musica elettronica presso il Conservatorio della Svizzera Italiana. Nella collaborazione con Stefano Giorgi per Art Site Fest, Alberto Barberis lavorerà con algoritmi compositivi basati su sistemi particellari 3D, dove sfrutterà i suoni stessi dell’azione creativa di Giorgi per creare un microcosmo sonoro, tra analogico e digitale, ai limiti del musicabile.

Chiara Tomarelli, attrice e regista si forma presso la Civica Scuola D’Arte Drammatica ‘Paolo Grassi’. Lavora nei maggiori teatri italiani ed europei con diversi registi quali Peter Stein, Alexader Popovsky, Anton Milenine, Walter Le Moli, Pierpaolo Sepe. Affronta autori come Euripide, Aristofane, Shakespeare, Buckner e Leopardi. Partecipa al corso di perfezionamento europeo Ecole Des Maitres per attori sotto la guida del poliedrico artista belga Jan Fabre, con il quale debutta nello spettacolo ‘Sangue, sudore e lacrime’.
È attrice-autrice di un omaggio alla poetessa Alda Merini dal titolo ‘L’anima innamorata’. Nel febbraio 2010 debutta con lo spettacolo ‘Madonne di Beslan’ di cui è interprete, regista e adattatrice, testo sulle madri di Beslan raccontate attraverso le testimonianze e le acute analisi della Politkovskaja. Con questo progetto è vincitrice del concorso MArte live 2009, premio della critica, premio festival Donna mostra Donna. Ha lavorato in cinema e televisione con Lucio Pellegrini, Alessandro D’Alatri, Ago Panini, Luca Ribuoli.
Tiene laboratori teatrali presso Istituti Carcerari e con la sua Associazione Culturale InArte produce spettacoli e organizza rassegne artistiche.

Il Quartetto TAAG – quartetto d’archi composto da Tiziana Lafuenti, Alessandra Deut, Alessandro Curtoni e Giulio Sanna –  ha preso vita nel 2011 e in breve tempo è stato ospite a numerosi festival tra cui MiTo, AGIMUS, Mantova Chamber Music Festival, Sesto Rocchi e Festival dei Due Mondi di Spoleto.
Ha ricevuto diversi riconoscimenti come il primo premio al Concorso Pugnani 2012, Premio Internazionale Crescendo e premio speciale “Piero Farulli” 2016 e il primo premio al concorso internazionale SVIRÉL (Slovenia). Il Quartetto ha sviluppato la sua formazione attraverso il contributo di artisti quali Hatto Beyerle, Quartetto Belcea, Heime Müller e Quartetto di Cremona, partecipando alle recenti sessioni della celebre ECMA (European Chamber Music Academy).
Attualmente il Quartetto frequenta il corso di perfezionamento dell’Accademia Europea del Quartetto (AEQUA) presso la Scuola di Musica di Fiesole con Miguel Da Silva, Antonello Farulli e Andrea Nannoni.
Il Quartetto TAAG vive la musica del suo tempo nel contatto con compositori quali Agostino Di Scipio, Lars Opferman e Lamberto Curtoni. Il Quartetto usufruisce, per gentile concessione della Scuola di Musica di Fiesole, degli strumenti Arnaldo Morano (1970).

Sergio Sorrentino (1983), chitarrista e compositore, è considerato dalla critica “uno dei più importanti chitarristi italiani dediti alla Nuova Musica”.
Alterna l’attività di interprete di Nuova Musica contemporanea a quella di musicista sperimentale, improvvisatore e sound artist.

È membro del Gavin Bryars Italian Ensemble e suona in duo con altri personaggi fondamentali della nuova musica come Elliott Sharp, Magnus Andersson e Antonio Caggiano.

Ha pubblicato il primo “complete works” sulle musiche per chitarra di Sylvano Bussotti. Il suo brano “De Citharae Natura” è stato premiato al I Concorso Internazionale di Composizione Chitarristica “Goffredo Petrassi” del Conservatorio “Santa Cecilia” di Roma. È titolare della cattedra di chitarra presso il Liceo Musicale di Vercelli e insegna in numerose master class e corsi di perfezionamento internazionali.